au pair

5 fatti sulla vita in Francia: il punto di vista di una ragazza Latina

Di Genesis RivasTempo di lettura: 4 min.
5 fatti sulla vita in Francia: il punto di vista di una ragazza Latina
Nel 2017 ho avuto la fortuna di diventare assistente di lingua spagnola in Francia
 
Non credo ci fosse un modo più pratico per migliorare il mio francese, quindi potete immaginare quanto fossi entusiasta. Visitare un Paese così interessante e allo stesso tempo crescere professionalmente è un'opportunità d'oro.
 
Tuttavia, anche se ero felice, provavo sensazioni contrastanti. Finora tutte le mie conoscenze sulla cultura francese erano teoriche, cioè sapevo solo quello che avevo letto sui libri. E se le differenze culturali mi avessero fatto commettere un errore? Avrei potuto rovinare l'esperienza solo per non essermi adattata a certe abitudini di questo Paese?
 
Alla fine, tutto è andato bene. Ho imparato molte cose e ho stretto legami con studenti, professori e sconosciuti di tutto il mondo, che alla fine sono diventati miei amici. Naturalmente, ho notato alcune differenze nel processo. Differenze che, lungi dal farmi sentire un'estranea, mi hanno ricordato quanto sia grande la diversità.
 
Vorrei condividere con voi alcune delle mie osservazioni. Ecco 5 aspetti interessanti della Francia dal punto di vista di una latina.

1. Sono sicuramente più tranquilli

Se venite dall'America Latina, sono sicura che riuscirete a fare il seguente esercizio con me: immaginate di essere diretti da qualche parte. Dovete prendere un autobus, una guagua, una camioneta, una buseta, un colectivo o qualunque sia il termine usato nel vostro Paese per questo mezzo di trasporto. Quando salite, cosa sentite? 
 
In Venezuela si sente la musica preferita dell'autista, la voce del copilota che invita i passeggeri a salire sull'autobus, i clacson delle altre auto che cercano di avanzare nel traffico, il suono delle voci dei passeggeri e una serie di altri suoni che fanno parte dell'ambiente urbano delle grandi città come Caracas.
 
Tutto il contrario di quello che si sente su un autobus in Francia. Non c'è musica, nessuno vi invita a salire e di solito i passeggeri sono piuttosto silenziosi. Si sente a malapena il consueto "Bonjour", che viene rivolto all'autista ogni volta che qualcuno sale sull'autobus. 
 
Interessante, vero? Anche in luoghi che ci si aspetterebbe essere rumorosi, come una mensa scolastica all'ora di pranzo, le risate e le voci sono sommesse. 
 
Sembra che ai francesi piacciano molto le cose a basso volume, almeno negli spazi pubblici.

2. Sono politicamente attivi

Non stupitevi se in qualche conversazione casuale con la vostra Famiglia Ospitante viene fuori un argomento di attualità politica francese. I francesi sembrano sempre ben informati su questi argomenti ed è abbastanza comune sentirli esprimere la loro approvazione o il loro disaccordo con nuove leggi, riforme o regolamenti governativi. 
 
I miei periodi di pausa tra una lezione e l'altra li trascorrevo di solito nella sala professori. A quel tempo leggevo molti opuscoli, comunicati e inviti a eventi, pubblicati dai sindacati e da gruppi di varie convinzioni politiche. 
 
Gli argomenti erano vari, potevano parlare di qualche nuova iniziativa governativa che riguardava gli insegnanti, oppure delle richieste degli insegnanti per migliorare la loro situazione lavorativa. Il punto è che, qua e là, si discuteva sempre di questioni politiche o economiche. Anche gli scioperi e le proteste erano piuttosto frequenti. Ho persino visto alcuni studenti esercitare una sorta di attivismo politico. 
 
Non ci si poteva aspettare niente di meno dal Paese che ha vissuto una delle rivoluzioni più famose e influenti della storia.

3. Si vestono alla moda

Devo confessare che non mi intendo molto di moda. Non passo molto tempo a pensarci e sicuramente non sono molto brava a seguire le tendenze. Tuttavia, anche per una persona come me, è stato difficile ignorare la bellezza degli abiti francesi. I corridoi del liceo in cui lavoravo sembravano una passerella. 
 
Non potevo fare a meno di ammirare l'eleganza e la sobrietà degli abiti. Alcune scarpe non sembravano molto pratiche per un'intensa giornata di lezioni, ma chi pensa alla comodità quando si può essere così chic.  
 
Anche se ho imparato ben poco sul modo di vestire alla francese, mi è piaciuto molto essere in uno dei centri della moda mondiale.

4. Sono meno aperti a fare amicizia spontaneamente

Nel mio Paese è normale iniziare una conversazione all'improvviso con un perfetto sconosciuto al supermercato, alla fermata dell'autobus o in banca. Per i francesi, questo non è così comune. 
 
Immaginavo che fosse sufficiente essere in Francia per avere qualcuno con cui praticare la lingua, che chiunque per strada potesse iniziare una conversazione con me e che ogni giorno ci sarebbero stati argomenti di conversazione diversi che mi avrebbero aiutato ad arricchire il mio vocabolario. 
 
Il fatto è che i francesi sono piuttosto riservati. Apprezzano molto il loro spazio personale e di solito non sono disposti a iniziare conversazioni spontanee con persone che non conoscono. Tuttavia, in tutti i luoghi in cui sono stata, sono sempre stata accolta bene dopo essere stata presentata formalmente. In questi contesti, le persone sono sempre state molto cordiali e disposte a parlare con me. 
 
Come Au Pair, avrete sicuramente molte occasioni per parlare con la vostra Famiglia Ospitante nella loro lingua. Se così non fosse, potete utilizzare diversi siti web gratuiti che vi aiutano a trovare persone vicine a voi interessate a fare uno scambio linguistico.

5. Preparatevi a mangiare ostriche a Natale

Questa è stata una delle più grandi sorprese che ho avuto. Mi piacciono le ostriche, ma non le avevo mai pensate come piatto natalizio. 
 
In Francia è consuetudine servire i frutti di mare come antipasto per la cena di Natale. In genere si mangia anche foie gras e tacchino al forno come piatto principale. 
 
Poi viene servito il tipico piatto di formaggi e infine la tradizionale bûche de Noël come dessert. L'amore per il vino non è solo un luogo comune. Gli adulti accompagnano regolarmente i loro pasti con questa bevanda e la cena di Natale non fa eccezione. 
 
Durante il vostro soggiorno, se volete sentirvi un po' come a casa, potete anche preparare alcuni piatti tipici del vostro Paese da offrire alla vostra Famiglia Ospitante. Ne saranno sicuramente entusiasti. 
 
Spero di avervi aiutato a conoscere un po' di più la cultura francese. Ricordate che questo era solo il mio punto di vista. Molto probabilmente scoprirete molte altre cose interessanti durante il vostro soggiorno. 
 
Non dimenticate di consultare la nostra Wiki per avere maggiori informazioni sul programma Au Pair.
 

Bambini e sportda Enrique Jover Veloz il 03 Apr, 2023Leggi di più »
Viaggiare senza frontiere nell’UEda Enrique Jover Veloz il 18 Apr, 2023Leggi di più »
Alcuni commenti...
Lascia un commento:
Unisciti a noi
AuPair.com è social: visita i nostri account sui social network, unisciti alla nostra community e ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo alla pari!
Unisciti a noi
Non vedi l'ora di iniziare la tua esperienza alla pari? AuPair.com ti aiuterà a trovare la tua futura famiglia ospitante
Registrati con noi e scopri cosa possiamo fare per te:
Registrati come Au Pair Registrati come famiglia