au pair

Alice di AuPair.com condivide la sua storia di ragazza alla pari in Irlanda per dieci mesi

Di Alice EbertTempo di lettura: 8 min.
L’esperienza Au Pair di Alice in Irlanda
Mi chiamo Alice e lavoro come responsabile marketing presso AuPair.com. Otto anni fa ho avuto la fortuna di trascorrere alcuni mesi come Au Pair in Irlanda. In questo blog post vorrei ispirare futuri Au Pairs a prendere in considerazione l'idea di andare nella bellissima isola verde di cui mi sono totalmente innamorata. 
 
Quando ho deciso di andare all'estero per un anno, dopo aver già svolto un anno di volontariato in Germania aiutando i rifugiati, i miei genitori erano un po' scettici. Molti dei miei amici avevano già iniziato a studiare da tempo. Tuttavia, non ero sicura della direzione professionale che volevo prendere e quindi ho deciso di buttarmi e di realizzare il mio sogno di vivere in Irlanda. Si è rivelata una delle migliori decisioni della mia vita e sono molto grata che la mia famiglia mi abbia sostenuto in questo processo.
 
Poiché sono sempre stata affascinata dalla musica irlandese (provengo da una famiglia molto musicale) e ho seguito l'interessante storia dell'Irlanda fin dai tempi della scuola, la decisione non è stata difficile. Mi hanno colpito anche le varie possibilità che il Paese offre, i paesaggi verdi e la natura quasi incontaminata. Naturalmente, anche la lingua ha giocato un ruolo importante nella scelta del Paese e si è rivelata molto utile per i miei successivi studi di inglese all'università.
 
Ho trovato abbastanza rapidamente la Famiglia Ospitante dei miei sogni. È stata la seconda famiglia che mi è stata proposta. Ho avuto alcune conversazioni su Skype con la Host Mum, Nichola, e siamo entrate subito in sintonia. Così è iniziata la grande avventura e a settembre 2014 mi trovavo già nella bellissima contea di Kildare, in una piccola città idilliaca a circa un'ora da Dublino. Per me era il posto perfetto, dato che sono cresciuta in campagna.
 
Mi sono ambientata relativamente presto, anche se ho dovuto abituarmi all'accento irlandese, che in campagna è piuttosto forte. All'inizio dovevo ascoltare con molta attenzione il mio Host Dad Robert per capirlo. Inoltre, il mio sistema immunitario era un po' debole a causa del cambiamento di luogo e di alimentazione, e all'inizio ho dovuto fare diverse visite mediche. 
 
Tuttavia, la mia Famiglia Ospitante, con il figlio Jack e la figlia Chloe, mi ha fatto sentire come se fossi parte della famiglia fin dall'inizio. Di conseguenza, la nostalgia di casa è stata quasi inesistente e sono stata in grado di impegnarmi appieno in questa nuova esperienza. Ho conosciuto rapidamente tutti i nonni, gli zii e i cugini che vivevano nella stessa città o nelle città vicine.
 
La mia routine quotidiana era piuttosto strutturata, ma avevo sempre abbastanza tempo per me stessa o per prepararmi al Cambridge Certificate in Advanced English. Al mattino mi alzavo insieme alla famiglia e accompagnavo Chloe, la bambina di quattro anni, all'asilo. Verso mezzogiorno preparavo il pranzo e andavo a prendere Chloe di nuovo alle 12.00. Verso le 14 Jack tornava a casa da scuola. Per la maggior parte del tempo facevo dei lavoretti con Chloe, dipingevamo o andavamo in giardino. I due bambini avevano sei anni di differenza, quindi era difficile scegliere attività che piacessero a entrambi, ma Jack fortunatamente era già in grado di tenersi occupato da solo. Spesso si trovava con i suoi amici sui prati accanto alla nostra casa a giocare a calcio. Verso il pomeriggio iniziavo a preparare la cena per i bambini, visto che di solito mangiavano verso le 17. Nichola aveva un negozio in città e di solito tornava a casa poco dopo cena. Robert lavorava a turni e tornava sempre a casa a orari diversi. 
 
Il mercoledì, di solito, andavo a scuola di lingua nella vicina cittadina di Newbridge per due ore e poi potevo godermi il mio giorno libero. I bambini stavano con la nonna. Dopo scuola andavo a fare shopping (per lo più da "Penneys", la versione irlandese di "Primark") o mi incontravo con le mie amiche alla pari per un caffè o una Guinness. 
 
Nei fine settimana andavo a fare delle escursioni nelle vicinanze, ad esempio sulle montagne di Wicklow (note per i film "P.S. I Love You" e "Braveheart"), al festival dell'ippodromo di Punchestown (una famosa corsa di cavalli dove si scommetteva molto) o a Dublino. Fortunatamente, a Dublino ho fatto presto nuove amicizie, trovando così anche un posto dove dormire nel fine settimana.  Dublino è una città colorata, moderna e bellissima. Ci sono molti musei da visitare, per esempio il Museo Nazionale Irlandese, il Kilmainham Gaol e la fabbrica di birra Guinness. Inoltre, è naturalmente il luogo ideale per fare shopping e conoscere la cultura irlandese dei pub. Temple Bar è un quartiere sulla riva sud del fiume Liffey, nel centro della città. Qui si trovano numerosi pub tradizionali irlandesi con la tipica musica dal vivo. 
 
Altre volte ho partecipato a tour più grandi con gli amici, ad esempio a Belfast e al Giant's Causeway, a Galway e alle Cliff's of Moher (conosciute grazie a "Harry Potter"), al Connemara, al Killarney National Park e al Ring of Kerry. I paesaggi verdi e mozzafiato mi hanno totalmente affascinato! Inoltre, la cultura irlandese è percepibile ovunque, infatti ogni cartello stradale riportava la traduzione in irlandese-gaelico. 
 
Anche se le persone si lamentano spesso del cattivo tempo sull'isola, non posso in alcun modo confermare questo pregiudizio. Certo, piove spesso a causa del clima marittimo e della vicinanza all'Oceano Atlantico, ma il sole esce sempre velocemente. L'inverno in Irlanda è molto mite e la temperatura non ha mai raggiunto meno di 0 gradi. 
 
Durante i dieci mesi ho avuto modo di stringere amicizie con tedeschi, irlandesi e altri internazionali. Nella stessa città vivevano altre cinque Au Pairs, quattro delle quali provenienti dalla Spagna e una dal Venezuela. Insieme andavamo al parco giochi con i nostri bambini ospitanti, al pub irlandese locale per giocare a biliardo e bere Guinness, oppure organizzavamo delle serate-cinema.
 
Ciò che mi piace degli irlandesi è la loro natura amichevole e aperta. In ogni negozio si viene accolti dal personale con un sorriso caloroso e le parole: "Ciao, come stai?". Se si chiedono indicazioni a qualcuno, ci si ritrova subito in una piacevole conversazione. La mia Famiglia Ospitante era l'incarnazione di una famiglia irlandese. Erano interessati, riconoscenti, mi hanno trattato come un membro della famiglia alla pari fin dall'inizio e hanno sempre tenuto conto delle mie esigenze. Mi hanno invitato a partecipare alle riunioni di famiglia nei fine settimana e persino a una vacanza a Cork. La mia Host Mum, in particolare, è stata per me un forte sostegno emotivo, con cui potevo parlare di qualsiasi argomento. Entrambi i genitori mi hanno incoraggiato e approvato, dandomi molta sicurezza e fiducia in me stessa. Inoltre, è stato importante per loro introdurmi alla cultura irlandese e mostrarmi i piatti tipici, le usanze e i luoghi di interesse.
 
I dieci mesi trascorsi in Irlanda mi hanno reso sicuramente più coraggiosa, sicura di me stessa e aperta e sono molto grata per tutte le esperienze che ho potuto fare lì! Sono particolarmente grata alla mia Famiglia Ospitante che mi ha sostenuto nel mio percorso e con la quale mantengo ancora oggi buoni contatti.
 
Au Pair in Polonia: consigli utilida Ewa Breza il 11 Jul, 2022Leggi di più »
Buoni propositi per Au Pairda Patrycja Kotowska il 30 Dec, 2022Leggi di più »
Alcuni commenti...
Lascia un commento:
Unisciti a noi
AuPair.com è social: visita i nostri account sui social network, unisciti alla nostra community e ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo alla pari!
Unisciti a noi
Non vedi l'ora di iniziare la tua esperienza alla pari? AuPair.com ti aiuterà a trovare la tua futura famiglia ospitante
Registrati con noi e scopri cosa possiamo fare per te:
Registrati come Au Pair Registrati come famiglia