au pair

Luisina, un’Au Pair argentina in Germania

Di Luisina il Jul 01, 2020
Luisina, un’Au Pair argentina in Germania
Luisina, studentessa di medicina di 22 anni dall’Argentina, ha accettato di rispondere alle nostre domande sul suo soggiorno alla pari in Germania. Grazie Luisina, ti auguriamo il meglio per il futuro!
 
Perché hai deciso di diventare una ragazza alla pari?
Ho deciso di diventare Au Pair per scoprire un nuovo Paese e la vita delle persone che lo abitano, per poter offrire i miei servizi e imparare.
 
Avevi già vissuto all'estero prima di diventare un Au Pair?
No, non ho mai vissuto all’estero ma viaggio.
 
Quali erano le tue paure e i dubbi prima di partire?
Le paure che avevo erano se la Famiglia ospitante mi avrebbe accettato e come mi sarei adattata. 
 
Quando è iniziata la tua permanenza? 
Ho iniziato a lavorare a gennaio.
 
Per quanto tempo hai cercato una Famiglia Ospitante prima di trovare quella perfetta?
Ho cercato una Famiglia per un mese prima di essere selezionata.
 
Hai lavorato per un genitore single?
Sì, lavoravo per una coppia separata.
 
Com'è stato il tuo rapporto con i bambini? Hanno accettato subito la tua presenza?
Mi sono presa cura di un bambino e di sua sorella, che è già adolescente, il nostro rapporto è stato molto piacevole e siamo riusciti ad andare d'accordo. Siamo diventati amici.
 
Com'è stato il tuo rapporto con la famiglia ospitante? Andavi d'accordo con entrambi i genitori?
La famiglia si è abituata alla mia presenza e a considerarmi come parte della famiglia, mi hanno fatto sentire come una figlia in più e mi hanno trattato molto bene. Avevo un buon rapporto con entrambi i genitori, ma parlavo di più con la madre, che aveva più familiarità con tutte le cose della casa.
 
Com'è una tipica giornata della tua vita alla pari?
La mia giornata tipo iniziava con l’alzarsi presto e preparare la colazione ai bambini, controllare che i compiti fossero fatti e svegliare il bimbo per prepararlo e portarlo a scuola. Una volta a casa mettevo in ordine e preparavo il pranzo. Nel pomeriggio giocavamo insieme per intrattenerci e poi facevamo i compiti.
 
Due volte alla settimana lo portavo al parco o a fare skate e a casa di un amico. Al tramonto i genitori e chi doveva preparare la cena tornavano a casa e facevamo quattro chiacchiere.
 
La sera facevo il bagno al bambino che poi si metteva il pigiama. Una volta finito, gli cantavo una canzone e lo mettevo a dormire. Poi mi assicuravo che la cucina e la casa fossero in ordine. Ecco la mia giornata tipo da Au Pair.
 
Hai viaggiato molto durante il tuo soggiorno? Qual è il posto preferito che hai visitato?
Mi è piaciuto molto scoprire la Germania, la sua cultura e la lingua. Il mio posto preferito è Stoccarda, una città vicino alle montagne con strade altissime, persone simpatiche e un clima piaceva. Con moltissimi spazi verdi.
 
Che consiglio daresti alle future Au Pair?
Il consiglio che darei ai futuri Au Pair è di non perdere l'occasione di incontrare, interagire con le persone, poter scambiare la propria cultura e aiutare le famiglie che ne hanno bisogno. Conoscere un altro Paese e vivere con persone diverse dalla nostra cultura è anche un'esperienza incredibile. E soprattutto imparare da essa. Sii coraggioso e volenteroso!
 
C’è qualcosa che vorresti ti avessero detto prima di fare l’Au Pair?
Avrei voluto che mi avessero consigliato di studiare la lingua in anticipo per avere conversazioni più fluenti.
 
C’è un ricordo particolare della tua esperienza alla pari che ti rimarrà sempre impresso?
C'è stato un momento molto speciale che abbiamo condiviso con la famiglia. Siamo andati tutti in bicicletta in un bosco in alta montagna e ci siamo fermati lì per un caffè, ci siamo abbracciati e abbiamo cantato una canzone di Natale. tutti hanno ricordati i momenti felici e io mi sono sentita in una famiglia unita.
 
Noi sosteniamo che diventare Au Pair è un’esperienza utile nella futura ricerca di lavoro. Sei d’accordo? Perché/perché no? Quali competenze che pensi possano esserti utili per il futuro hai acquisito?
Essere un Au Pair è un ottimo impiego perché ti dà la possibilità di imparare a fare la mamma e di fare quello che ti piace.
Ho imparato a badare a me stessa, ad assumermi la responsabilità di un bambino e di una casa, ad affrontare i problemi e a risolverli... ad essere forte!
 
Prenderesti in considerazione l’idea di vivere nel paese ospitante?
Mi piacerebbe vivere in Germania o in un paese europeo, perché sono paesi con una buona qualità di vita.
 
Lo rifaresti?
Certo, rifarei l'Au Pair e, in realtà, ho già fatto domanda. Sono molto grata per la solidarietà della famiglia, per avermi accettata e per avermi permesso di offrire la mia umiltà e il mio amore ai loro figli, per avermi capita e anche per essersi preoccupati del mio benessere. Sono parte della mia famiglia e non dimenticherò mai ciò di aver vissuto con loro.
 
Ha qualche altra domanda per Luisina? Apprendere da un'esperienza diretta è sempre il modo migliore per avvicinarsi a qualcosa di nuovo come il programma Au Pair. Lasciaci un commento qui sotto! 
Alcuni commenti...
Lascia un commento:
Unisciti a noi
AuPair.com è social: visita i nostri account sui social media, unisciti alla nostra community e ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo alla pari!
Iscriviti alla nostra newsletter:
Iscriviti come:
Ragazza alla pari
Famiglia ospitante
Iscrivendoti, dai il tuo consenso a ricevere informazioni da AuPair.com. Puoi cancellare il consenso quando vuoi.
Unisciti a noi
Non vedi l'ora di iniziare la tua esperienza alla pari? AuPair.com ti aiuterà a trovare la tua futura famiglia ospitante.
Registrati con noi e scopri cosa possiamo fare per te: