au pair

Au Pair dall'Ucraina alla Germania

Di Anastasia il Dec 22, 2020
Au Pair dall'Ucraina alla Germania
Alcuni candidati e famiglie ospitanti meritano il titolo di Famiglia ospitante o Au Pair dell'anno! Si sono salvate la vita l'una per l'altra e hanno cambiato in meglio la vita dell'altro. Abbiamo selezionato le storie migliori e ora siamo felici di onorare una delle storie del vincitore.

Credo molto nel fatto che tutto sia un segno, che le cose arrivano sempre per un motivo, e possiamo vedere questi indizi dall'universo e decidere di usarli o meno. Alla fine ho riconosciuto il mio!
 
Il programma Au Pair ha completamente cambiato la mia vita in "prima" e "dopo",
cosa di cui sono assolutamente felice. Ma questa, devo ammettere, non è stata una strada facile da percorrere -
la strada verso la mia "seconda" famiglia. Sì, posso tranquillamente chiamare la mia Famiglia Ospitante "seconda".
 
Era la fine dell'estate. L'ultimo semestre dell'anno è stato teso e difficile per me, da un punto di vista morale:
 
1) una pandemia e una quarantena a lungo termine, che era ancora in corso;
2) di conseguenza, il crollo di tutti i miei piani per il futuro;
3) un’altra conseguenza: la perdita di un lavoro che mi piaceva molto;
4) la laurea e il superamento dell'esame di stato in quarantena;
5) l’ennesima conseguenza: il ritorno a casa, che mi spaventava molto;
6) una lunga ricerca di un nuovo lavoro, che è stata molto frustrante e ha portato più delusione che soddisfazione;
7) l'ultimo, per così dire, punto decisivo: scomposta in piccolissimi frammenti, un'anima completamente esausta che non ha mai ricevuto risposte alle sue domande…
 
In generale, tutto questo mi ha impedito di vivere una vita serena e mi sono resa conto che dovevo fare un passo disperato, forse anche ridicolo in un certo senso.
 
Dovevo agire per rimettermi in "condizione di lavorare", dovevo uscire il più lontano possibile dalla mia zona di comfort.
 
E così, a tarda notte, ho compilato un questionario sul sito web di AuPair. Ero convinta che non mi avrebbe portato a nulla. Quanto mi sono sbagliata, per fortuna.
 
Pochi giorni dopo, una certa Margarita ha risposto al mio questionario, con due bambine, di 3 e 9 anni, che vivevano a Grevenbroch, queste erano tutte informazioni che avevo. Ho pensato che fosse una specie di truffa, ma ho risposto comunque al messaggio e presto abbiamo cominciato una conversazione. Poi ci siamo telefonate e quando ho sentito la voce di Margot - Margarita -, mi sono subito calmata e ho avuto la sensazione di conoscere questa persona già da molto tempo. Ma avevo molti dubbi per via pandemia, pensavo di aver scelto, come sempre, un cattivo momento, perciò tendevo più al "no"... ma grazie a Margoshe - vezzeggiativo di Margarita in lingua russa -, che non si è arresa e mi ha sostenuto durante tutto il processo, ho deciso di andare: ero pronta a diventare una Au Pair.
 
I miei genitori, stranamente, mi hanno sostenuta pienamente, e in una settimana sono partita per la Germania per incontrare la mia nuova famiglia. Sorprendentemente,
ero estremamente calma, perché sono sempre rimasta in contatto con Margosha, e sentivo che mi stavano aspettando, che c'era bisogno di me.
 
Il nostro primo incontro è stato molto caloroso, era come se avessi incontrato un amico che non vedevo da tanto tempo. Quando sono entrata per la prima volta in casa, la figlia maggiore Veronica mi stava aspettando sulla soglia e dopo è apparso il capofamiglia.
Vitaly è entrato con la figlia minore Katya, che subito ha cominciato a chiamarmi "sorella". Al che ho capito di aver preso la giusta decisione e che il lungo viaggio non era stato vano.
 
Qualche parola sulla famiglia. Sono stata molto fortunata a stare con loro. Per me è sempre difficile andare d'accordo con le persone, non sono brava a stabilire contatti. Ma qui la storia è stata molto diversa. La mia vita nella famiglia si è basata sulla comprensione e il rispetto reciproco fin dal primo giorno in cui sono arrivata. Sostegno in qualsiasi situazione, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, conversazioni a cuore aperto su qualsiasi argomento, risate fino alle lacrime con o senza motivo. Non sono mai stata così piena di vita come lo sono stata lì. Sono grata alla mia famiglia ospitante.
 
Margarita, o Margosha, è un esempio di madre che ama e si prende cura dei suoi figli, di moglie fedele e amata, ma soprattutto è una donna incredibilmente bella - sofisticata, aggraziata, elegante. Ho imparato molto da lei e continuo a farlo ancora oggi.
Vitaly lavorava molto, non sempre tornava a casa per cena ma nel finesettimana si dedicava completamente alle sue piccole principesse. Aveva una personalità particolare, perciò era meglio non discutere con lui. In ogni caso faceva di tutto per la sua famiglia e questa è la cosa principale!
Veronica e Katya erano i due angeli di casa. Secondo me, ogni casa assume un’atmosfera diversa quando ci sono dei bambini. Danno alla casa una nuova vita, un secondo respiro, la rendono veramente viva. A volte è stato difficile per me avere a che fare con la piccola Katya perché era difficile accontentarla, non essendo io una madre che capisce tutto. E per Veronica non ero un'autorità come suo padre, chiaramente. Ma ho cercato di essere un'amica per loro, spero di essere riuscita a svolgere questo ruolo almeno occasionalmente.
 
Quando sono arrivata in Germania, non avevo assolutamente idea di cosa mi aspettasse ma non pensavo che avrei dovuto affrontare me stessa - questa famiglia mi ha mostrato, chi sono, chi posso essere, quante "sfaccettature" nascoste ho in me. E, in generale, mi sono resa conto che ero abbastanza.
 
Quando ho compilato il questionario sul sito di AuPair, ho scritto una lettera motivazionale in cui specificavo:
“Sono una persona che sta cercando sé stessa e la sua strada. Voglio davvero partecipare a questo programma perché credo che mi potrà aiutare a scoprire nuove qualità e a capirmi meglio. Credo che ogni famiglia abbia bisogno di aiuto in certi contesti. Ecco che cosa sono. 
Adoro aiutare gli altri, comunicare e conoscerli da altre prospettive. Sono pronta a donare tutto ciò che ho di buono, ai tuoi bambini e alla tua famiglia”.
 
Ora che sono arrivata a questo punto, posso tranquillamente dire che tutto ciò in cui ho creduto fin dall'inizio della mia avventura si è avverato: ho scoperto me stessa da una nuova prospettiva, ho costruito un nuovo piano per il futuro, ho iniziato ad apprezzarmi!
Sono follemente grata alla mia famiglia ospitante per avermi scelto, per l'opportunità che mi è stata offerta, per le emozioni e i sentimenti che ho provato con loro. Sono grata per ogni giorno del mio soggiorno nella loro casa e d'ora in poi saranno per sempre nel mio cuore. Guardando la loro famiglia, confermo con coraggio, che gli opposti si attraggono e si completano il più possibile, ispirandosi a vicenda per conquistare nuove vette. Sì, hanno, come tutti, qualche difficoltà di comprensione, e il problema dei padri e dei figli è rilevante anche per la loro famiglia. Ma trovano sempre una via d'uscita da ogni situazione, risolvono sempre i conflitti in modo pacifico - per amore. La famiglia di Margosh non è perfetta, come tutte le altre famiglie, ma è destinata a una lunga e felice vita per una semplice ragione: si amano il più possibile.
 
Spero di essere riuscita a far parte di questa cosa meravigliosa per un po' di tempo.
Ho cercato di portare un po' di gentilezza e di gioia nella loro vita, divertimento e distrazioni. Ho aiutato come ho potuto e ho fatto tutto ciò che potevo per assicurarmi che non si pentissero di avermi scelto.
Voglio bene a voi, cara Famiglia Ospitante e comunque, siete la Famiglia dell'Anno per me, e non potrebbe essere altrimenti!
 
Alcuni commenti...
Lascia un commento:
Unisciti a noi
AuPair.com è social: visita i nostri account sui social media, unisciti alla nostra community e ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo alla pari!
Iscriviti alla nostra newsletter:
Iscriviti come:
Ragazza alla pari
Famiglia ospitante
Iscrivendoti, dai il tuo consenso a ricevere informazioni da AuPair.com. Puoi cancellare il consenso quando vuoi.
Unisciti a noi
Non vedi l'ora di iniziare la tua esperienza alla pari? AuPair.com ti aiuterà a trovare la tua futura famiglia ospitante.
Registrati con noi e scopri cosa possiamo fare per te: