au pair

Lavorare per una ONG dopo l’Au Pair

Di Alena on Jan 23, 2020
Come trovare lavoro in una ONG dopo il periodo Au Pair
Ti consideri una persona che ha diversi interessi, competenze ed esperienze ma che non ha ancora trovato un lavoro che possa soddisfare tutti i tuoi bisogni e le tue aspettative? Senti che aiutare la tua Famiglia Ospitante è stato qualcosa di veramente importante per te? Vuoi contribuire a rendere il mondo un posto migliore? Se la tua risposta è “sì” allora potresti prendere in considerazione di lavorare per una ONG (Organizzazione Non Governativa) dopo il periodo Au Pair.

Cosa fa chi lavora per una ONG?

Treccani definisce una ONG come “Organismo (o ente) non nato per volontà dello Stato, in cui la ragione dell’azione è di tipo ideale, quale una missione o una vocazione”. 
Avrai sentito parlare di AIESEC, Medici senza frontiere o Greenpeace. Solitamente una Organizzazione non Governativa si concentra su un tema preciso, come aiuto umanitario, bambini e giovani rifugiati, la natura, la protezione degli animali, la difesa dei diritti umani, la religione, l’istruzione e così via… 
Insomma, per qualunque problema del mondo c’è una ONG che se ne occupa, scherzano i volontari. Infatti, nel 2019 in Germania erano attive 616 ONG, ognuna delle quali si occupava di una certa questione. Ci sono anche altre organizzazioni più piccole, comunemente definite “iniziative” che non rientrano in questi numeri.
 
A dire la verità, questa popolarità è comprensibile: lavorare per una ONG consente alle persone di realizzare qualcosa di utile e concreto - per animali, persone o oceani che siano - e di contribuire a cambiare il mondo.
 
A seconda della grandezza di una ONG varia il numero degli impiegati retribuiti e dei volontari. Spesso sono coinvolte comunità locali per aiutare o per dividere il lavoro tra progetti e sviluppo, pubbliche relazioni, marketing e risorse umane. Per questo ci sono una serie di figure ricercate dalle ONG:
  • Giovani
  • Project manager
  • Consulenti
  • Assistenti sociali
  • Coordinatori di fondi
  • Assistenti amministrativi
  • Traduttori
  • Contabili
  • Avvocati
  • Esperti
  • Programmatori
  • Specialisti della finanza
  • Responsabile delle comunicazioni o della ricerca
  • Tirocinanti
  • Responsabili di eventi e di marketing
  • e molte di più, a seconda delle capacità e delle competenze dei candidati.
Adesso dovresti avere un’idea generica delle posizioni disponibili in una ONG. La cosa più importante è però capire che cosa vuoi fare. Molti si riferiscono al loro lavoro come una missione per aiutare gli altri ma sicuramente non possiamo aiutare tutti. Quindi è importante agire con motivazione. Dovresti trovare un lavoro che ti soddisfa e ti realizza come essere umano, un lavoro per cui vorresti davvero spendere il tuo tempo e la tua energia. Una volta capito questo, puoi pensare concretamente a quale tipo di professione ti si addice e, di conseguenza, anche l’organizzazione per cui vorresti lavorare. Se poi non riesci a deciderti, c’è sempre il volontariato! 

Quando si guadagna lavorando per una ONG?

Lavorare per una ONG non è semplice dato che, trattandosi di organizzazioni non governative e no-profit, non hanno come scopo principale il guadagno ma piuttosto il cambiamento sociale (un po’ come “fate l’amore, non fate la guerra”). Chi lavora per una ONG deve comunque poter vivere aiutando gli altri, ecco perché illustreremo lo stipendio medio di un impiegato ONG.
 
Di solito, un impiegato per la ONG viene retribuito in relazione ai progetti che promuove e al relativo guadagno. È raro che l’amministrazione e lo staff vengano finanziati da un ente esterno, perciò le organizzazioni prevedono delle tasse di iscrizione o donazioni per ricevere un supporto economico dai partner o degli iscritti.
 
Ciò non significa che lavorerai a gratis. a seconda della tua posizione all’interno di una ONG e dal paese, lo stipendio può variare. Negli USA il salario si aggira intorno ai 30-35.000 dollari all’anno per un tirocinante e tra 85-90.000 dollari per un responsabile o un direttore associato. In Germania c’è un range altrettanto ampio: il project manager può prendere sui € 48.875, il responsabile delle comunicazioni tra i 37.000 e i 62.000 euro, un programmatore fino a 58.000 €. Una delle organizzazioni inglesi offre sulle £33.000 ai responsabili di marketing ed eventi.
 
Dipende tutto dal tipo di organizzazione e dai suoi fondi. Il modo migliore per avere un’idea più precisa sugli stipendi è informarsi direttamente sui loro siti web.

Da dove cominciare?

Nota bene: non sarà facile trovare lavoro in una ONG internazionale. Molte persone lavorano per organizzazioni più piccole e fanno volontariato in ONG locali per anni prima di sentirsi abbastanza qualificate da potersi candidare per una posizione di rilievo.
 
Tuttavia, se vuoi davvero lavorare per una ONG che si occupa di un argomento specifico, sii coraggioso e tenace. Anche se non hai le competenze necessarie, molte ONG internazionali spesso offrono molte posizioni di base. Quindi, se sei solo all'inizio del tuo percorso professionale, molte aziende potrebbero comunque assumerti e usare le tue capacità, la tua intelligenza e il tuo entusiasmo per fare qualcosa di buono per la società. 
 
Quindi, rispondendo a "da dove cominciare", suggeriamo di iniziare a fare volontariato in organizzazioni che lavorano su una problematica a cui sei sensibile, vai agli eventi e conoscendo le persone coinvolte. Sii curioso, di mentalità aperta e parla con chi ha più esperienza - e chissà, forse presto diventerai uno di loro!
 
Ecco un consiglio che potrebbe essere utile ogni volta che si cerca un lavoro. Se sei interessato a una certa posizione, ma sei solo all'inizio, dai un'occhiata ai requisiti per la posizione in questione. Potrai farti un'idea delle competenze e delle capacità di cui avrai bisogno se vorrai candidarti per un lavoro simile in futuro.

Come cercare lavoro?

Inizia dal principio! Quando decidi quale lavoro vorresti fare, potresti voler iniziare a cercare un'occupazione. Naturalmente, la scelta più ovvia è quella di andare sul sito web dell'organizzazione o sulla pagina social, oppure, in alternativa, di utilizzare un sito di collocamento che raccoglie molte offerte di diverse aziende. Eccoti un elenco di siti web da cui potresti iniziare: sono tutti internazionali, pertanto un buon punto di partenza andare all’estero rimane un’opzione aperta. Inutile dire che ce ne sono molti altri, ma potrebbe essere un buon inizio: 
 

L’esperienza Au Pair ti aiuterà a trovare lavoro in una ONG?

Che tu ci creda o no, molte delle competenze e capacità richieste dalle ONG fanno parte integrante del programma Au Pair. Diamoci un’occhiata:
  • Parlare un'altra lingua: dopo l'anno alla pari, conoscerai la tua lingua madre e la lingua della famiglia ospitante. Conoscere lingue diverse ti aiuterà a comunicare con le persone e le autorità nella loro lingua, il che ti renderà affidabile. 
  • Comprendere culture diverse: se vuoi fare carriera in una ONG, probabilmente dovrai lavorare con persone provenienti da diverse culture e società. E c'è un modo migliore per capire un'altra cultura che non sia immergersi completamente in essa e vivere con i rappresentanti della società sotto lo stesso tetto? 
  • Essere indipendenti ma in grado di lavorare in un team: sei riuscito a trovare una famiglia ospitante, preparare tutti i documenti, ottenere un visto e venire in un altro paese. E lì sei entrato a far parte del team e hai imparato a lavorare in una squadra senza problemi e conflitti. C'è bisogno di dire di più?
  • Avere esperienza: L'esperienza alla pari è molto di più che occuparsi dei bambini. Ti dà anche preziose capacità organizzative e comunicative, la comprensione del comportamento delle persone, le capacità contabili, l'affidabilità e la flessibilità e altre competenze trasversali che i datori di lavoro cercano. 
Sei interessato a saperne di più sui vari lavori dopo il tuo soggiorno alla pari? Allora rimani sintonizzato e leggi di più giovedì prossimo! 
Registrazione gratuita per tutti i candidati Registrazione per Famiglie Ospitanti
Come viaggiare a basso costo da Au Pairda Alena Shandrak il 21 Jan, 2020Leggi di più »
Canzoni per bambinida Niamh il 28 Jan, 2020Leggi di più »
Alcuni commenti...
Lascia un commento:
Unisciti a noi
AuPair.com è social: visita i nostri account sui social network, unisciti alla nostra community e ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo alla pari!
Iscriviti alla nostra newsletter:
Iscriviti come:
Ragazza alla pari
Famiglia ospitante
Iscrivendoti, dai il tuo consenso a ricevere informazioni da AuPair.com. Puoi annullare l'iscrizione quando vuoi.
Unisciti a noi
Non vedi l'ora di iniziare la tua esperienza alla pari? AuPair.com ti aiuterà a trovare la tua futura famiglia ospitante
Registrati con noi e scopri cosa possiamo fare per te:
Registrati come Au Pair Registrati come famiglia