au pair

Abbey: Au Pair per un genitore single

Di Abbey on Feb 13, 2019
Abbey: Au Pair per un genitore single
Ehi ragazzi, bentornati ad un altro mercoledì con me, Abbey. 
 
Questa settimana voglio parlare di un argomento più serio perché so che per me la prospettiva di lavorare per un genitore single era un po' scoraggiante e non sapevo cosa aspettarmi. Ma, credetemi, non dovete preoccuparvi! Da un anno vivo e lavoro a Milano, in Italia, come ragazza alla pari per una madre single. È stato l'anno più bello della mia vita e io e la mia mamma ospitante siamo diventate grandi amiche. All'inizio, però, non sapevo davvero cosa aspettarmi dalla situazione. Avevo così tante domande e ora che ho fatto l'esperienza di lavorare per una mamma single, sono per voi. 

Dovrei scegliere una famiglia con un solo genitore? 

Quando si tratta di scegliere una famiglia, sceglietene una che vi faccia sentire al meglio. Seguite l’istinto, è esattamente quello che ho fatto io e, sorprendentemente, avevo ragione. Non avrei potuto scegliere una famiglia migliore. La cosa della mia famiglia che mi ha davvero "catturato" è stata la loro descrizione simpatica, ma la cosa più bella è che avevano un coniglietto, Penelope. Anch'io ho avuto un coniglio da piccola, quindi ed è stata la ciliegina sulla torta per me. Scegliete una famiglia che vi piace davvero e fidatevi dell’istinto. Questa è la chiave, non preoccupatevi se sono una famiglia con un solo genitore o no, andrà bene!

C'è più lavoro da fare? 

Solo perché c'è un genitore in meno che vive fisicamente in casa, non significa che ci sia più lavoro. In realtà lavoro meno di molti dei miei amici alla pari perché i bambini vanno a stare dai loro papà ogni mercoledì e ogni due fine settimana. Cerco sempre di aiutare la mia mamma ospitante il più possibile, perché i genitori single vi saranno molto grati per qualsiasi aiuto extra che gli darete. Disfo sempre la lavastoviglie o piego il bucato per la mia mamma ospitante in modo che quando torna a casa abbia meno da fare. Tuttavia, non sono obbligata a farlo. Un po' di aiuto per le faccende quotidiane di casa può essere molto utile per un genitore single. Per quanto riguarda l'orario di lavoro, questo dovrebbe essere concordato e dovrebbero essere creati degli orari fissi con una potenziale famiglia ospitante prima ancora di accettare di essere il loro Au Pair. Questo è importante per tutti i tipi di famiglie ed è davvero importante organizzarlo per evitare di lavorare troppo o troppo poco. 

Se i figli sono con l'altro genitore devi andare con loro? 

Questo varia, tuttavia, nella maggior parte dei casi la risposta è no. Io lavoro per la madre e quando i bambini sono dai loro papà, sono totalmente libera come lei. Lei è il mio datore di lavoro e non il padre ed è per questo che funziona così. Un'altra ragazza alla pari che conosco e che lavora per una famiglia con un solo genitore ha una disposizione completamente diversa dalla mia. Lei è tenuta a stare con i bambini una volta alla settimana quando dormono dal papà, tuttavia, ogni due fine settimana quando sono con lui, di solito è libera. Questo è l'accordo che hanno fatto ed è totalmente diverso dal mio accordo, ma è qualcosa di cui bisogna parlare con una potenziale famiglia ospitante nelle fasi iniziali del colloquio. 

Quanti giorni alla settimana i bambini passano con l'altro genitore? 

Nella maggior parte dei casi, una volta alla settimana e ogni due fine settimana. I miei host kids vanno dai loro papà ogni mercoledì dopo la scuola e ogni secondo fine settimana. Penso che in genere sia così perché i miei amici alla pari che lavorano per un genitore single hanno detto che le loro famiglie funzionano allo stesso modo. 

È strano lavorare per un genitore single del sesso opposto? 

Non ho nessuna esperienza personale, ma conosco un’amica che ce l'ha. Lavorava per un padre single che aveva la custodia del figlio. Era entusiasta del fatto che suo figlio imparasse l'inglese e aveva bisogno di un aiuto extra perché era un imprenditore. Si è divertita moltissimo con la famiglia e ha avuto un buon rapporto di lavoro con il padre. Era molto vantaggioso per il bambino avere ogni giorno una figura femminile nella sua vita. La mia mamma ospitante è anche aperta alla prospettiva di avere un Au Pair maschio per motivi simili. Ritiene che sarebbe altrettanto vantaggioso avere una figura maschile nella vita dei suoi figli ogni giorno. Posso certamente capire che si potrebbe essere un po' nervosi ad entrare in una situazione del genere, ma bisogna ricordare perché la gente prende un Au Pair: per insegnare ai propri figli una seconda lingua, per giocare con loro e per aiutarli nelle loro attività quotidiane. Indipendentemente dal fatto che il genitore single sia maschio o femmina, vogliono solo il meglio per i loro figli. 
 
Spero che questo post abbia risposto ad alcune delle vostre domande sul lavoro per una famiglia di genitori single. Mi è piaciuto molto lavorare per una famiglia di genitori single qui a Milano e sento che mi ha dato l'opportunità di crescere un rapporto molto forte sia con i miei figli che con la mamma ospitante. Ricordatevi sempre di scegliere una famiglia che pensate sia quella giusta per te. Ecco come trovare la famiglia ospitante perfetta
 
Grazie per la lettura ragazzi, se avete altre domande, potete trovarmi su Instagram.
 
- Abbey
Un giorno nella vita di un’Au Pair in Italiada Abbey il 06 Feb, 2019Leggi di più »
Truffe per turistida Elena il 13 Feb, 2019Leggi di più »
Alcuni commenti...
Lascia un commento:
Unisciti a noi
AuPair.com è social: visita i nostri account sui social network, unisciti alla nostra community e ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo alla pari!
Iscriviti alla nostra newsletter:
Iscriviti come:
Ragazza alla pari
Famiglia ospitante
Iscrivendoti, dai il tuo consenso a ricevere informazioni da AuPair.com. Puoi annullare l'iscrizione quando vuoi.
Unisciti a noi
Non vedi l'ora di iniziare la tua esperienza alla pari? AuPair.com ti aiuterà a trovare la tua futura famiglia ospitante
Registrati con noi e scopri cosa possiamo fare per te:
Registrati come Au Pair Registrati come famiglia