au pair

Abbey: l'equilibro tra lavoro e vita privata all’interno di una Famiglia Ospitante

Di Abbey on Feb 20, 2019
Au Pair: equilibrio tra lavoro e vita privata
Ciao ragazzi! Eccoci ad un altro mercoledì e questa settimana vi parlerò di com’è lavorare per una famiglia ed esserne parte allo stesso tempo. So che questo equilibrio può essere complicato, specialmente da Au Pair. 
 
All’inizio può sembrare strano vivere col proprio capo. Ma il programma Au Pair funziona così bene che si crea il giusto equilibrio tra lavorare ed essere parte della Famiglia Ospitante. Ecco come avere la migliore esperienza Au Pair e lo so perché ho fatto proprio così.

Essere positivi, felici e responsabili mentre si lavora

Essere Au Pair significa avere responsabilità quotidiane che vengono assegnate dalla Famiglia Ospitante. Esse sono basate su attività e sui bisogni dei bimbi, ecco qua maggiori informazioni. Bisogna completare questa lista di cose da fare con positività, felicità e in modo responsabile. Alla fine si parte per fare proprio questa esperienza e se si agisce con positività, l’atmosfera sarà positiva di conseguenza.
 
Se spesso si arriva in ritardo a prendere i bambini da scuola allora né il capo, né i bambini ne saranno contenti. Ecco cosa potrebbe guastare il rapporto tra l’Au Pair e il capo. Essere responsabili e competenti giocherà sicuramente in favore del soggiorno alla pari.

Cenare con la Famiglia Ospitante

Cenare con la Famiglia Ospitante è un ottimo modo per legare con la famiglia piuttosto che con il capo. In quasi tutti i paesi, la cena riunisce la famiglia ed è un momento per legare e riflettere. È molto probabilmente lo stesso per la vostra Famiglia Ospitante, unitevi a loro e godetevi il tempo che trascorrete insieme. Ho mangiato con la mia famiglia quasi tutte le sere e non solo ho potuto mangiare cibo tradizionale italiano, ma ho anche parlato con la famiglia e soprattutto con il mio capo/mamma ospitante di cose diverse dal lavoro, che è stato un modo davvero piacevole per conoscersi. Spesso condividevamo anche un bicchiere di vino a cena, che era un modo per dire: "Ok, la giornata è finita, possiamo rilassarci" e abbiamo fatto proprio così. 
 
La cena riunisce davvero la famiglia, quindi è l'occasione perfetta per entrare a farne parte, come fratello o sorella maggiore. Sono diventata davvero un membro della famiglia e mi sono divertita a cenare con tutti, compresi i nonni e la famiglia allargata nei fine settimana. Questo ha assolutamente cambiato la mia esperienza in Italia e ha infranto la barriera tra capo e famiglia. 

Non avere paura di passare del tempo da soli

La camera da letto è il vostro spazio e vi permette di avere tutta la privacy di cui avete bisogno. Anche se a volte è davvero bello passare del tempo con la famiglia ospitante al di fuori dell'orario di lavoro, è anche necessario avere il proprio spazio. Sì, si vive con il proprio capo, ma a un certo punto bisogna "lasciare" il lavoro, proprio come un lavoro ordinario.
 
All'inizio ero preoccupata di stare troppo spesso nella mia stanza con la porta chiusa, ma in realtà se si ha bisogno di chiudere il lavoro per un po', va benissimo. Staccando per qualche ora, si dà anche alla Famiglia Ospitante un po’ di privacy. Dopo una piccola "pausa" si è, in un certo senso, tutti ricaricati. 

Partecipare agli eventi sociali

Compleanni, Natale, Pasqua e festeggiamenti locali sono tutte cose in cui si dovrebbe essere coinvolti. Sono una grande opportunità per entrare in contatto con la Famiglia Ospitante e conoscere le loro tradizioni culturali. Ho potuto sperimentare il Carnevale, che è una festa italiana prima di Pasqua, con la mia Famiglia Ospitante ed è stata un'esperienza così sorprendente e tipicamente italiana.  
 
È anche un momento molto bello per scambiare regali con la Famiglia Ospitante. Penso che quando si tratta di fare regali per queste occasioni, è bello condividere qualcosa della propria cultura. Per Natale ho regalato ai bambini un biglietto australiano da 5 dollari e i bambini erano al settimo cielo. È stato un piccolo gesto, ma è stato apprezzato tantissimo dai bambini e dalla mia mamma. 

Comunicare con la Famiglia Ospitante 

Per quanto sia bello passare del tempo e stabilire un contatto con la Famiglia Ospitante a livello familiare, bisogna anche ricordare che loro sono il datore di lavoro e, a volte, è necessario avere conversazioni piuttosto difficili. Per esempio, ricordar loro di pagarti (nel caso se ne dimenticassero) o dicendo: "Ehi, questa settimana ho dovuto fare da babysitter per quattro notti di seguito".
 
Non è sempre facile quando si cerca di inserirsi nella famiglia, ma in fondo siete lì per fare un lavoro e bisogna rispettare quanto riportato sul contratto. Capisco perfettamente che può essere imbarazzante, ma entrambe le parti devono rispettare il documento. Se sentite che le vostre aspettative non vengono soddisfatte, allora parlate con il vostro capo e dimenticate il fatto che siete all'interno del nucleo familiare. 
 
Spero che questo post vi dia alcuni consigli utili su come creare un equilibrio tra il capo e l'entrare a far parte della sua famiglia. Sentitevi liberi di contattarmi tramite il mio Instagram.
 
Buona settimana ragazzi e ci vediamo mercoledì prossimo. 
- Abbey. 
Truffe per turistida Elena il 13 Feb, 2019Leggi di più »
Brexit: le conseguenze per il programma Au Pairda Elena il 24 Apr, 2020Leggi di più »
Alcuni commenti...
Lascia un commento:
Unisciti a noi
AuPair.com è social: visita i nostri account sui social network, unisciti alla nostra community e ricevi gli ultimi aggiornamenti dal mondo alla pari!
Iscriviti alla nostra newsletter:
Iscriviti come:
Ragazza alla pari
Famiglia ospitante
Iscrivendoti, dai il tuo consenso a ricevere informazioni da AuPair.com. Puoi annullare l'iscrizione quando vuoi.
Unisciti a noi
Non vedi l'ora di iniziare la tua esperienza alla pari? AuPair.com ti aiuterà a trovare la tua futura famiglia ospitante
Registrati con noi e scopri cosa possiamo fare per te:
Registrati come Au Pair Registrati come famiglia